Vitigni e classificazione

E’ stata stabilita una classificazione dei vigneti in base alla qualità dei vini prodotti, distinguendo in ordine decrescente di importanza quattro categorie:

  • Grand Cru seguito solo dal nome del vigneto (il nome del villaggio può essere messo ma si vede raramente);
  • Premier Cru con nome del villaggio seguito dalla menzione Premier Cru e dal nome del vigneto;
  • Communale (Village);
  • Régional (Côte de Beaune, Côte de Nuits, Bourgogne).

 

Sono quattro i vitigni caratteristici della Borgogna: aligotè e chardonnay per i bianchi, pinot nero e gamay per i rossi.
L’aligotè è un vitigno presente da sempre in Borgogna. I grappoli sono più grossi e numerosi di quelli dello chardonnay, gli acini grandi e rotondi. Lo chardonnay è il vitigno re dei grandi bianchi di Borgogna. I grappoli hanno media dimensione, più allungati e meni chiusi di quelli del pinot nero, e gli acini sono piccoli, di dimensione irregolare. Il pinot nero è il vitigno dei grandi vini di Borgogna. Il grappolo è piccolo e compatto, assomiglia vagamente a una pigna, e ha acini rotondi o leggermente ovali; il colore della buccia è blu-nero. Il gamay è il vitigno del Beaujolais e del Mâconnais. Il grappolo è vagamente cilindrico e compatto, e gli acini leggermente ovoidali; il colore è nero-violaceo.

Chardonnay Pinot nero Aligotè Gamay