Era costume, specie nei tempi passati, nell'incontrare estranei farsi precedere da note di presentazione e brevi lettere di referenza. Così usa ancora il vino che, serrato nella bottiglia è avvolto nel suo mistero, non mostra né aroma né sapore, perfino il colore è mascherato o distorto dall'opacità del vetro, ma ha un elegante biglietto da visita che, mentre si ruota lentamente tra le mani la bottiglia, promette di dischiuderci i misteri della terra e della storia, della vigna e degli uomini che negli anni hanno lavorato per crearlo, l'etichetta.

E così, quando ho deciso di far rivivere, attraverso la proposta di grandi vini francesi, le sensazioni che ho provato immergendomi nella ricerca di terroirs capaci ancora di trasferire al vino le loro caratteristiche millenarie e peculiari, al cospetto di uomini che, in piena armonia con le esigenze e i ritmi di un ambiente meraviglioso quanto aspro, con un meticoloso e ostinato lavoro in vigna e in cantina ricavano dalle loro terre autentici capolavori, ho voluto chiamare questo progetto:

“L’ETIQUETTE terroir et vignerons”.

Tutti i vini proposti sono prodotti da produttori contadini, Recoltant Manipulant nella dizione dell’area dello Champagne, quasi tutti aderenti al movimento dei Vignerons Indipendants, attivi nella tutela di una tradizione contadina imperniata sul rispetto del territorio e dell'ambiente e ancora capaci di presentare con sincera passione il frutto del loro lavoro e della loro cultura.

I vini della collezione sono prodotti di nicchia e molti di questi, imbottigliati in quantità davvero minime, devono essere prenotati un anno per l’altro e le assegnazioni non sono mai sufficienti.

Il livello qualitativo sempre altissimo, risente naturalmente delle caratteristiche delle varie annate e quindi i vini non hanno mai profumi e sapori omologati per cui le descrizioni che ho voluto inserire sono necessariamente parziali e riportano solo le caratteristiche di base e non le sfaccettature che li fanno grandi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai all'inizio della pagina