Domaine Des Ardoisières big

 

DOMAINE
DES ARDOISIÈRES

Freterive

SAVOIA

Vini d'autore che rappresentano

l'eccellenza savoiarda,

frutto di tenacia e lungimiranza.

Domaine Des Ardoisières sm

 

 Superficie vitata 16 ha

 

AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA

 

 Produzione bt./anno 60.000

Domaine des Ardoisières

Brice Omont

L'azienda è nata nel 1997 a Cevins, un piccolo villaggio al di sopra del quale sorgevano alcune vigne, delle micro-parcelle divise tra tantissimi proprietari e da cui si ottenevano vini di pessima qualità. Denis Perroux, il sindaco-sognatore di Cevins, immaginò di ripiantarle per salvarle dall’abbandono, e di creare una cooperativa. L'operazione, tenuta in vita con tenacia da Michel Grisard, un vigneron biodinamico duro e puro, ha spiccato il volo con l'incontro tra quest'ultimo e Brice Omont, avvenuto nel 2003. Brice si è innamorato subito del progetto ed è salito a bordo. Il Domaine è cresciuto grazie all'affitto di alcuni terreni già produttivi a St. Pierre de Soucy, arrivando oggi, proprio sotto la guida salda di Brice, a gestire 16 ettari vitati.

Le viti sono piantate su terrazze protette dall'erosione da un sapiente inerbimento. Le pendenze davvero proibitive impongono lavorazioni a mano e rese basse, a cui fa da contorno una gestione viticola biodinamica sposata con convinzione e grande ispirazione.

L'approccio in cantina rispecchia la filosofia produttiva perseguita in campo: sia le uve bianche che quelle rosse fermentano in botti di legno, spesso a grappolo intero, e nel complesso la mano è misurata e poco invasiva. Ne risultano vini di grande espressività territoriale, che di anno in anno raccontano l'eccellenza della produzione enologica della Savoia.

ARGILE BLANC Vin des Allobroges

ARGILE BLANC Vin des Allobroges

40% jacquère, 40% chardonnay, 20% mondeuse blanche

viti di 60 anni, 3 ha, coteaux di St. Pierre de Soucy, marne scistose, argilla

9 mesi in botte grande   

16.000 bt.
gustoso

Luminoso nel suo colore giallo pallido, ha un naso piuttosto discreto, tra cenni di mela matura, burro e lime. La bocca è rotonda, fresca, per nulla aggressiva, con una chiusura in cui le note gessose si mescolano a quelle fruttate.

Ottimo da aperitivo, va molto bene anche con merluzzo, carni bianche e formaggio di capra leggermente affinato.

SCHISTE Vin des Allobroges

SCHISTE Vin des Allobroges

40% jacquère, 30% roussanne, 20% malvoisie, 10% mondeuse blanche

viti di 25 anni, 12 ha, coteau di Cevins, suoli scistosi

12 mesi in barrique   

8.000 bt.
rotondo

Di grande rotondità e ampiezza, è caratterizzato da una bella struttura. Affiora qualche lieve nota tostata, ma i veri protagonisti sono l'acidità e la mineralità.

Zuppe di cereali, pesce di fiume, toma di savoia e formaggi stagionati.
QUARTZ Vin des Allobroges

QUARTZ Vin des Allobroges

100% altesse

viti di 45 anni, coteau di Cevins, suoli scistosi e limosi

18 mesi in barrique   

5.000 bt.
sbalorditivo

Raffinato, elegante, ricco e delicatamente aromatico: i profumi di frutta e le note leggermente affumicate si fondono alla perfezione. Un grande vino da invecchiamento.

Crostacei, pesce, carni bianche in umido.

ARGILE ROUGE Vin des Allobroges

SAVOIE ARBIN MONDEUSE

65% gamay, 25% mondeuse noir, 10% persan

viti vecchie di 35 anni, coteau di St. Pierre de Soucy e St. Jean de la Porte, suoli marnosi, scistosi e argillosi

9 mesi in botte grande

4.000 bt.
importante

Frutti rossi, fiori secchi e spezie ingentiliscono il profilo aromatico, di bella articolazione. In bocca troviamo un corpo armonico, con tannini fini e un finale che vira su una mineralità gessosa.

Salumi, carni alla griglia e magret de canard.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai all'inizio della pagina