LA PORTE SAINT JEAN big

 

LA PORTE SAINT JEAN
SYLVAIN DITTIÈRE

Montreuil-Bellay

LOIRA

 

Un percorso formativo pazzesco

e un piccolo Domaine a misura d'uomo:

Dittière è l'astro nascente

del Saumurrois.

LA PORTE SAINT JEAN sm

 

 Superficie vitata 8 ha

 

AGRICOLTURA BIOLOGICA

 

 Produzione bt./anno 20.000

La Porte Saint Jean SM

Sylvain Dittière

Sylvain Dittière, poco più che trentenne, è giustamente considerato uno degli astri nascenti del Saumurrois. Legato da rapporti di parentela con i Foucault di Clos Rougeard (ha sposato la figlia di Charly), può vantare un curriculum di eccezione, con alle spalle una solida preparazione scolastica: al BTSA viticulture-oenologie ha fatto seguire esperienze di apprendistato al Clos Rougeard e presso Château Yvonne, Thierry Germain, Marc Tempé e Domaine Gauby. Nel 2010 ha deciso di mettersi in proprio e ha messo radici a Montreuil-Bellay, a una quindicina di chilometri da Saumur.

Il suo Domaine de la Porte Saint Jean conta oggi 6,5 ettari di vigna, coltivati per metà a cabernet franc (nei lieu dit Les Cormiers e Les Pouches) e per l’altra metà a chenin e in misura contenuta a sauvignon, con viti molto vecchie, anche di 90 anni. La conduzione agronomica è biologica, pur in assenza di certificazione, e tutte le attività agricole ed enologiche sono gestite personalmente da Sylvain. Non c'è dunque la volontà di ingrandirsi ulteriormente, proprio per preservare la possibilità di avere un controllo diretto di ogni fase del processo produttivo.

La cantina sotterranea è scavata nel tufo e garantisce condizioni ottimali per gli affinamenti, che vengono realizzati in barrique e botti da 500/600 litri perlopiù vecchie. Nel processo di vinificazione si usa pochissima solforosa e non si fanno filtrazioni, mentre la permanenza nelle botti è di almeno 24 mesi. Tale approccio gli ha permesso di produrre vini di grande purezza espressiva, eleganti e caratterizzati.

SIX ROSES

SIX ROSES

95% chenin, 5% cabernet franc

viti di 10 anni

12 mesi

900 bt.
inusuale

Prima della fermentazione il mosto viene fatto macerare con petali di rosa (i genitori di Sylvain sono vivvaisti) e poi finisce in serbatoi di vetroresina. Questo pétillant naturel affina in bottiglia per almeno 6 mesi. Le sei varietà di rose utilizzate donano aromi che spaziano dal dolce del muschio al piccante. Intrigante il dialogo tra l'acidità dello Chenin, l'intensità del Cabernet Franc e la texture tannica della rosa.

Aperitivo e crostacei.

LA PERLÉE

LA PERLÉE

100% chenin
viti di 60/90 anni

24 mesi in barrique e botti da 600 litri

6.000 bt.
magnifico

Uno straordinario Chenin quintessenziale, che profuma di fiori bianchi, mela cotogna e agrumi, e in bocca è teso e fine, dal corpo discreto e di spiccata salinità.

Ogni tipo di pesce, anche in zuppa speziata, carni bianche al forno e in tegame..

Saumur LES CORMIERS

Saumur LES CORMIERS

100% cabernet franc
viti di 50/60 anni

24 mesi in barrique 

9.000 bt.
profondo

Un Cabernet Franc di materia che ha bisogno di tempo per distendersi pienamente. Profuma di frutti rossi maturi e fiori appassiti, e in bocca ha un tannino levigato, che si fonde con la componente minerale per dare piacevolezza e profondità al sorso.

Ogni tipo di carne arrosto e stufata, sevaggina al civet, formaggi stagionati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai all'inizio della pagina