Germania

 

Anche la Germania, come la Francia, ha una lunga storia vinicola. L’introduzione della vite risale ai Romani, con un successivo sviluppo nell’epoca cristiana con i monasteri che controllavano e gestivano la stragrande maggioranza delle vigne e divennero centri di sviluppo e di ricerca qualitativa.
La grande superficie vitata del medioevo, circa quattro volte quella attuale, ebbe a partire dal XVI secolo una drastica riduzione a causa delle numerose guerre locali, del generale peggioramento del clima e dell’aumento della diffusione della birra (1516 – Editto di Purezza/Reinheitsgebot). La Rivoluzione Francese e la conseguente conquista di quasi tutte le zone vinicole da parte di Napoleone portò, analogamente a quanto accaduto in Francia, alla secolarizzazione del patrimonio vinicolo e alla creazione dei prime classificazioni dei vigneti che furono poi mantenute ed espanse anche dopo la Restaurazione. La conseguente eliminazione della miriade di staterelli e relativi dazi e la migliore gestione delle vigne, eliminando le varietà meno idonee e puntando principalmente sul Riesling, portarono per la prima volta i vini tedeschi a sorpassare i francesi e a divetare i vini più richiesti e cari del mondo. Sfortunatamente a questo periodo di breve rinascita seguì una ulteriore contrazione dalla fine del XIX secolo a causa della filossera e poi per le due guerre mondiali. Solo a partire dagli anni ’50 del secolo scorso si assiste ad una forte ripresa, in particolare a seguito della legge del 1971 che ridefinisce la classificazione e la provenienza del vino di qualità.

 

 

 

 

 

AREA GEOGRAFICA

 

La Germania ha tredici diverse e distinte regioni vinicole. Undici di esse, le principali, si trovano lungo il Reno e i suoi tributari: Ahr, Mosel (che include Saar e Ruwer), Mittelrhein, Rheingau, Nahe, Rheinhessen, Pfalz, Hessische Bergstraße, Franken, Württemberg e Baden. Le ultime due, più recenti, si trovano invece nella zona orientale: Saale-Unstrut e Sachsen.
Le regioni vinicole si dividono poi in distretti, circa 40, in cui si devono produrre vini di caratteristiche organolettiche simili ed i distretti a loro volta in Grosslage, sono 168, ragruppamenti di diverse Einzellage, cioè vigneti singoli , circa 2680, che non necessariamente hanno un unico proprietario.

 

Mosella
La regione è caratterizzata da terreni scistosi su pendii estremamente ripidi su cui la Mosella, che scorre larga e placida grazie ai lavori di canalizzazione degli anni 50 per renderla navigabile, riflette i raggi del sole. Il terreno riscaldato, ricco di pietre, trattiene il calore e lo restituisce durante la notte.
Gli ettari a vigna sono circa 12.000 e si estendono per circa 250 chilometri sui due lati della Mosella e dei suoi due affluenti Saar e Ruwer. L’area è suddivisa in sei aree vinicole dette «Bereiche»: Bernkastel (conosciuto anche come Mittelmosel), Ruwertal, Saar, Burg Cochem (conosciuto anche come Terrassenmosel), Moseltor e Alta Mosella.
La produzione è quasi esclusivamente di vini bianchi e su tutti Riesling, caratterizzato da sentori fruttati, spiccata acidità e bouquet delicato.

 

Rheingau
La regione più celebre della Germania, vitata per circa 3.000 ettari, ha la parte principale tra Wiesbaden e Rüdesheim. I terreni sono scistosi ed i pendii delle rive del fiume, ad eccezione dell’estremità sud-occidentale, non particolarmente ripidi. La catena montuosa dei Taunus protegge la zona dai venti provenienti da nord, le estati sono lunghe e calde, gli inverni brevi e miti e le precipitazioni scarse. Il Riesling della zona, lievemente fruttato ed elegante, ricco di estratti, spesso caratterizzato da una delicata dolcezza, è il vitigno di riferimento, anche se nell’ultimo periodo è cresciuta la presenza del Pinot Nero.


Nahe
La regione, che fino al 1971 non era codificata separatamente ma era genericamente assimilata al Reno, si estende per circa 4.000 ettari su ripidi pendii lungo il percorso del fiume Nahe sull’asse ovest-est e, per l’ultimo tratto, sud-nord ove sono vitate entrambe le rive del fiume ma la sponda destra appartiene già all’Assia renana.
I vini prodotti sono quasi esclusivamente bianchi, Riesling e Muller Thurgau, con caratteristiche diverse lungo lo scorrere del fiume, profumati e aromatici, vigorosi e dall'acidità pronunciata lungo il corso centrale, fruttati lungo il corso inferiore del fiume.


Rheinhessen – Assia Renana
La regione è molto estesa circa 25.000 ettari, assimilabile ad un trapezio che a nord e a est è delimitato dal fiume Reno ad ovest dalla Nahe e a sud prosegue nelle vigne del Palatinato. La zona è suddivisa in tre unità «Bereiche», Bingen, Nierstein e Wonnegau, che a loro volta comprendono 24 raggruppamenti di vigneti detti «Großlage» e 442 vigneti singoli chiamati «Einzellage». Il clima è mite e piuttosto temperato, il Reno garantisce una compensazione termica e due gruppi montuosi riparano dai venti del nord e dell’ovest. I vini sono principalmente bianchi, tendenti al dolce ma oggi una parte sempre più consistente viene vinificata in secco.


Pfalz – Palatinato
Il Palatinato è in pratica la continuazione dei vigneti alsaziani una volta passato il confine tedesco. Considerata la Toscana tedesca a causa del suo clima particolarmente mite, è protetta ad ovest dalle colline della foresta Palatina ed è un susseguirsi di dolci declivi a breve distanza dal fiume Reno. Due le aree pricipali della regione che si estende su 24.000 ettari immediatamente a sud dell’Assia: a nord l'area Mittelhaardt e a sud il Palatinato Meridionale. Oltre la metà della produzione è di vini bianchi, ma in particolare nel sud il clima estremamente mite consente anche la produzione di vini rossi.


Mittelrhein – Medio Reno
Il Medio Reno, ovvero la zona conosciuta come Gola del Reno o Grand Canyon tedesco, si estende sulla sponda sinistra dalla Nahe fino alla confluenza della Mosella a Coblenza e sulla sponda destra dal Rheingau fino quasi a Bonn. Regione molto estesa ma con un estensione vitata solamente di 500 ettari era il più importante mercato del vino tedesco che nella città di Bacharach veniva imbarcato e trasportato ai mercati del nord. Caratteristica della zona sono gli appezzamenti di vigneti isolati disposti su ripide pendici meridionali. Due sono i Bereich, a nord il piccolo distretto delle Siebengebirge, e a sud il più grande Loreley. Nella regione si produce principalmente il Riesling.
Ahr
Situata tra il 50° e il 51° parallelo, la Ahr è la regione vinicola più a nord del mondo dove si coltivano uve rosse, principalmente Pinot Nero e suoi cloni. Le ripide e scistose sponde esposte a sud e la breve ampiezza della valle, una sorta di Mosella in miniatura, creano un microclima estremamente favorevole e quasi mediterraneo. Con 500 ettari è una delle regioni più piccole.


Franken - Franconia
La Franconia si trova nel centro della Germania, ed è la zona vinicola più orientale dei vecchi Land tedeschi. L’area vitata si estende su circa 6.000 ettari lungo il fiume Meno, divisa in tre distretti da est ad ovest, il più pregiato dei quali è, al centro, il cosidetto Triangolo del Meno (Maindreieck) ove il Meno compie una brusca virata da sud a nord e bagna la città di Würzburg. Qui il suolo è ricco del cosidetto Muschelkalk, un calcare conchiglifero, e i vini bianchi da Silvaner, Müller-Thurgau e, nei migliori siti anche Riesling, possiedono una spiccata mineralità e sono vinificati in genere molto più secchi che nelle altre zone vinicole. Caratteristico è l’imbottigliamento nella Bocksbeutel, una bottiglia dal corpo piatto e panciuto.

 

 

 

 

 

  VITIGNI PRINCIPALI

 

Molti e sia di bacca bianca che rossa sono i vitigni coltivati in Germania, in questa selezione ci siamo limitati a presentare:

 

 Riesling  Silvaner  Rieslaner
Riesling silvaner Rieslaner

 

 

 

 

 

  CLASSIFICAZIONE

 

Complessa ed in continuo divenire è la classificazioni dei vini.

Quella storica comprende

  • Deutscher Wein (precedentemente denominato Tafelwein) –, vino da tavola
  • Landwein, vino con indicazione di provenienza, l’equivalente di un IGT
  • Qualitätswein (precedentemente denominato Qualitätswein bestimmter Anbaugebiete - QbA), vino di qualità da zone vinicole denominate.
    In questa classificazione rientra la maggior parte del vino tedesco  che può essere secco (trocken) o con un leggerissimo residuo zuccherino (feinherb-abboccato).  Il peso minimo del mosto, che varia di regione in regione, deve essere compreso tra i 50 e i 72 gradi Oechsle. Fino a questo livello è possibile l’aggiunta di zucchero al mosto prima della fermentazione.
  • Prädikatswein (precedentemente denominato Qualitätswein mit Prädikat - QmP), il massimo livello, vini di qualità superiore con predicato. I vini con predicato devono soddisfare i più alti requisiti qualitativi in termini di maturità, armonia ed eleganza. Esistono sei diversi predicati, con diversi pesi minimi del mosto in base al vitigno ed alla regione di provenienza.
    In ordine crescente:
    • Kabinett, vini con un leggero residuo zuccherino, amabili, leggeri e con una bassa gradazione alcolica, peso del mosto da 67 a 82 gradi Oechsle.
    • Spätlese, vini maturi ed eleganti, da vendemmia tardiva, con un residuo zuccherino più importante, peso del mosto da 76 a 95 gradi Oechsle.
    • Auslese, vini nobili da uve mature, selezionate durante la vendemmia (le uve non mature e non sane vengono scartate), con residuo zuccherino molto importante, peso del mosto da 83 a 100 gradi Oechsle.
    • Beerenauslese (BA), vini di grande corpo e ricchezza aromatica con un importante residuo zuccherino, da chicchi surmaturi ed attaccati dalla muffa nobile, peso del mosto da 110 a 128 gradi Oechsle.
    • Trockenbeerenauslese (TBA), la punta della piramide qualitativa; vini di grande dolcezza e concentrazione, con aromi complessi e potenziale di invecchiamento di decenni, da chicchi avvizziti come uva passa e colpiti da muffa nobile, peso del mosto da 150 a 154 gradi Oechsle. (non vengono prodotti in tutte le annate)
    • Eiswein, vini dolci ricchi di estratto, da uve vendemmiate e pressate ad una temperatura pari od inferiore a -7°C, quando l’acqua nel chicco è ghiacciata in modo da ottenere un succo molto concentrato con un’alta percentuale di zucchero ed aromi primari intensi, peso del mosto da 110 a 128 gradi Oechsle, ovvero equivalente ad un BA.

Altre denominazioni

Goldkapsel (GK - capsula oro) e Lange Goldkapsel (LGK - capsula oro lunga) fanno riferimento ai predicati dolci Auslese e Beerenauslese. Attraverso le capsule si identifica, a livello non ufficiale, un vino che ha raggiunto un peso del mosto superiore al minimo del predicato di riferimento, ma non sufficiente ad accedere al predicato superiore. Si tratta di vini di grande eleganza, concentrazione ed aromaticità, piuttosto rari e non reperibili in tutte le annate. Analogamente, altri produttori indicano il peso crescente del mosto all’interno dei predicati Auslese e Beerenauslese con un numero di stelle/asterischi da uno a tre.

Fino al 2012 i vini secchi seguivano la classificazione storica, in particolare nel caso dei QmP alla dicitura Kabinett, Spätlese e Auslese veniva aggiunto “trocken” per differenziarli dai vini con residuo. Per evitare confusioni specialmente sui mercati esteri, a partire dalla vendemmia del 2012 il VDP, (Verband Deutscher Prädikatsweingüter) , la principale associazione tedesca di produttori di qualità, ha proibito l’indicazione del predicato per i vini secchi (trocken). È ovviamente ancora possibile trovare sul mercato etichette riportanti la dicitura “Kabinett trocken”, “Spätlese trocken” o “Auslese trocken” da vendemmie precedenti oppure da produttori che non aderiscono alla VDP, anche se oramai quasi tutti si sono adeguati. I vini trocken hanno un residuo zuccherino di massimo 9 g/l.

Il VDP utilizza una classificazione interna non ufficiale su quattro livelli che ricalca il sistema francese. Questa classificazione supera quella storica, come detto basata sul residuo zuccherino del vino, e tende a valorizzare il vino valutando la capacità di esprimere il terroir e di essere quindi rappresentativo delle peculiarità della zona dalla quale proviene.

vdp

VDP. GUTSWEIN: Questa categoria di vini costituisce la base della piramide qualitativa del VDP. I Gutswein sono il biglietto da visita del viticoltore. Devono essere prodotti con uve esclusivamente provenienti dai propri vigneti e ovviamente rispettare tutti gli altri parametri qualitativi del VDP.

VDP. ORTSWEIN: I vini del secondo livello provengono dai migliori vigneti di un singolo comune quindi rappresentativi dei vari terroir, sono codificate le rese per ettaro, in genere mai superiori ai 75hl/ettaro.

VDP. ERSTE LAGE: Con il terzo livello si raggiungono i vini di eccellenza, prodotti in vigneti caratterizzati da un terroir che storicamente sì è distinto per la sua qualità eccezionale e che possono godere di un microclima ottimale.
Rese massime di 60 hl/ettaro. Vendemmia manuale. Il peso del mosto deve essere almeno ad un livello di Spätlese.

VDP. GROSSE LAGE: L'élite dei vigneti tedeschi. Accuratamente delimitati, questi vigneti danno da sempre vini dal grande potenziale di maturazione. I vini secchi provenienti da un Grosse Lage vengono chiamati Grosses Gewächs (abbreviato sulla bottiglia con la sigla GG). Rese massime di 50 hl/ettaro. Vendemmia manuale. Anche in questo caso il peso del mosto deve essere almeno ad un livello di Spätlese. Il periodo di affinamento minimo è tale per cui i vini bianchi vengono commercializzati a partire del 1. Settembre dell’anno successivo alla vendemmia, mentre i vini rossi debbomo aspettare un ulteriore anno, e trascorrere un periodo minimo di 12 mesi in botti di legno.

 

 

 

 

 

 PRODUTTORI

 

Querbach

QUERBACH

Lauer

WEINGUT PETER LAUER

Richter

MAX FERD RICHTER

Weiler

CLÜSSERATH WEILER

Lorenz

LORENZ

 Rumpf

KRÜGER RUMPF

Shafer

JOH. BAPT. SCHÄFER

Minges

THEO MINGES

 Leiner

LEINER

Muller Catoir

MÜLLER-CATOIR

Germania

 

 

Sauer

HORST SAUER

 

 

QUERBACH   Rheingau    Oestrich-Winkel

Area  vitata           10 ha.

Produzione          60/80.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 98%

                Spatburgunder 2%

Vigneti

  • Oestrich Lenchen
  • Oestrich Doosberg
  • Winkel Hasensprung
  • Hallgarten Schonheel

Contadino con i piedi ben piantati in terra ma con ampia visione sul mondo, originale in tutto, tipo di inerbimento e di lavorazione della terra, singolare metodo di vendemmia, uso esclusivo di lieviti spontanei, utilizzo di tappi a stella appositamente sviluppati e non ultimo scelta di proporre i vini solo quando sono pronti con conseguente disponibilità di annate vecchie. Caratteristiche che trovi nei suoi vini forse un poco duri ma che si aprono con mille sfaccettature che durano a non finire e che pienamente rappresentano la Rheingau.

 

LAUER   Saar   Ayl am der Saar

Area  vitata         8,9     ha.

Produzione         50.000 bottiglie

Vitigni                  Riesling 98%

               Spatburgunder 2%

Vigneti

  • Ayler Krup
  • Saarfeils
  • Schonfels
  • Sonnenberg
  • Rauberg

Azienda con vigne nelle migliori posizioni della Saar, da qualche anno progressivamente passata dal padre al figlio che è riuscito a ulteriormente raffinare lo stile e ad esaltare la mineralità dritta e precisa dei vini della zona, che giocano con delicati aromi al naso e sapida profondità in bocca. Le vinificazioni parcellari, chiaramente indicate in etichetta, fanno risaltare le caratteristiche peculiari dei vari appezzamenti e fanno delle bottiglie dei pezzi unici estremamente ricercate ed apprezzate.

 

MAX FERD RICHTER   Mosel   Mulheim

Area  vitata           20 ha.

Produzione          130.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 95%

                Weisburgunder 5%

Vigneti

Radicato nella lunga tradizione viticola della famiglia, di cui va giustamente orgoglioso visto che risale al 1680, può vantare tra i propri storici clienti anche la real casa britannica. Dirk Richter è riconosciuto come uno specialista dei predicati alti e dai migliori vigneti della Mittelmosel, spesso ancora a piede franco. Propone vini di ottima struttura ed eleganza privilegiando i toni delicati, freschi ed armoniosi ma non stucchevoli. Da qualche anno si è fatto affiancare dal figlio che ha aggiunto una maggiore ricerca della pulizia e della finezza, pur mantenendo le tradizionali lunghe fermentazioni in botte.  L’ampia e bella cantina, monumento nazionale, consente che spesso venga lasciata indietro qualche partita ad affinare, che quindi viene riproposta con qualche anno sulle spalle.

 

 

CLÜSSERATH-WEILER   Mosel   Trittenheim

Area  vitata           6,5 ha.

Produzione           50.000 bottiglie

Vitigni                    Riesling 100%

Vigneti

  • Trittenheim Apotheke
  • Fahrfels
  • Mehring Zellerberg
  • Trittenheim Altarche

Il padre sapientemente gestisce le operazioni in vigna e la figlia apporta un tono moderno alla cantina, dalla simbiosi dei due nascono numerosissimi vini, spesso in bassissime quantità visto le minuscole parcelle. Da sempre un punto di riferimento in Mosella per i vini semidolci, la cui caratteristica principale è il bilanciamento tra acidità e dolcezza che li rendono lunghi ed appaganti. Il più celebre appezzamento del Trittenheimer Apotheke, il Fährfels, dà il nome al loro vino più rappresentativo.

 

LORENZ   Mosel   Detzem

Area  vitata          8,5 ha.

Produzione          75.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 98%

                Spatburgunder 2%

Vigneti

  • Maximiner Klosterlay
  • Thornicher Ritsch
  • Trittenheimer

Giovanissimo ha preso in mano la tenuta agricola dei genitori trasformandola in azienda vinicola, duro e puro, intransigente sugli aspetti qualitativi propone una splendida linea di semidolci, vini di carattere e mai leziosi, da rivedere sui trocken che complice l’annata 2015 sono sembrati troppo duri, una chicca il TBA 2005, estremamente mediterraneo, vinificato ai tempi dal padre ed ancora disponibile in quantità molto piccole.

 

KRÜGER RUMPF  Nahe   Munster Sarsheim

Area  vitata          23 ha.

Produzione          150.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 65%

                Weissburgunder 10%

                Silvaner 10%

Vigneti

  • Munster Pittersberg
  • Munster Dautenpflänzer
  • Munster Rheinberg
  • Munster Kapellenberg
  • Dorsheimer Burgberg

I fratelli Rumpf, tedeschi molto poco tedeschi, loquaci e calorosi come europei del sud, prorompenti, curiosi e spiritosi, han saputo creare una linea di vini suadente, vini delicati ma sostenuti da una ottima struttura e da una mineralità mai dura e capace di coinvolgere con brio gusto ed olfatto. Da tempo sono in conversione biologica, usano le api per la pollinazione e capre per tenere basso il sottofila. Svariate tipologie dal più semplice Kabinett ad un Eiswein esemplare per setosità e lunghezza

 

JOH. BAPT. SCHÄFER   Nahe   Rümmelsheim

Area  vitata          8 ha.

Produzione          55.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 60%

Vigneti

  • Dorsheimer Goldloch
  • Dorsheimer Pittermannchen
  • Burg Layer Schlossberg

Dopo tre generazioni di Johann Baptist, Sebastian ha preso in mano l’azienda appena diplomato e negli ultimi dieci anni ha fatto fare un ulteriore salto a questa piccola realtà della Nahe. I vini sono dritti, precisi, con una finissima stoffa in bocca ed estremamente bilanciati. Tutti i suoi vini hanno uno stile cristallino, ben definito e grandi potenzialità di evoluzione.  

 

 

THEO MINGES   Pfalz   Flemlingen

Area  vitata          25 ha.

Produzione          180.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 35%

                Spatburgunder 12%

                              Scheurebe 8%

Vigneti

  • Gleisweiler Holle
  • Bochingen Unterer Faulemberg Rosenkranz
  • Burrweiler Im unter Kreuz Zinkelerde
  • Burrweiler Schawer
  • Flemlingen Herrenbuckel

Regine, la figlia di Theo è la gioia personificata, la cantina è una splendida fattoria e la sala di degustazione un patio che da su un giardino fiorito e pieno di animali. La passione di questa famiglia per il vino si esprime, in perfetta sintonia con l’ambiente che li circonda, in una ricca offerta e disponibiltà di annate che ci ha permesso di selezionare una proposta dove vengono esaltati la grazia e una materia mai troppo grassa, ingentilita da una mineralità gessosa.

 

 

LEINER   Pfalz   Ilbesheim bei Landau in der Pfalz

Area  vitata          16 ha.

Produzione          100.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 20%

                Grauburgunder 20%

               Weissburgunder 15%

               Spatburgunder 15%

               Chardonnay 10%

Vigneti

  • Ilbesheim Kalmit

Quarantenne appassionato e studioso delle pratiche biologiche e biodinamiche ha creato a sua immagine una cantina ricca di pathos, e ha saputo anche trascinare i colleghi su questa difficile strada.  I trocken 2015 sono quelli che più ci sono piaciuti nelle degustazioni, forse ancora un poco scorbutici ma privi dei contenuti amarognoli che caratterizzano il millesimo, e sempre ingentiliti da una componente aromatica che rispecchia i tre terroirs su cui insistono i vigneti della azienda.

 

 

MÜLLER-CATOIR   Pfalz   Haardt an der Weinstrasse

Area  vitata          21 ha.

Produzione          135.000 bottiglie

Vitigni                   Riesling 60%

                Weissburgunder 15%

Vigneti

  • Haardt Herrenletten
  • Haardt Burgergarten
  • Haardt Breumei in den Mauren Herzog
  •  Gimmeldingen Mandelgarten

Un’azienda che rappresenta la storia della viticultura in Germania e da sempre un punto di riferimento per tutti. Impressionante il contesto e l’aplomb nobiliare del titolare, dolci e semidolci di caratura elevatissima, unici nel panorama del Palatinato, capaci di sprigionare profumi intensi ma mai volgari ed appagare la bocca con acidità, mineralità e struttura che avvolgono lingua e palato, vini nobili come chi li genera, eterei e scintillanti, che risaltano ancora di più con il tempo.

 

HORST SAUER Francken   Escherndorf

Area  vitata          18,5 ha.

Produzione          150.000 bottiglie

Vitigni                       Riesling 15%

                                  Silvaner 38%

                                  Muller Thurgau 23%

 

Vigneti

  • Escherndorf Lump
  • EscherndorfFurstemberg

A completare la gamma un’altra storica cantina dove si sta passando la mano dal padre Horst alla figlia Sandra, e dove il terroir e lo stile della Franconia si sposano perfettamente in un incrocio tra modernità e tradizione. Lo splendido vigneto del Lump, su di una strettissima ansa del Meno e perfettamente esposto a sud dona vini ricchi, complessi e potenti.

 

 

 

Germania 



 GERMANIA

 
 Querbach  Rheingau
 Lauer  Saar
 Max Ferd Richter  Mosella
 Clüsserath-Weiler  Mosella
 Lorenz  Mosella
 Krüger-Rumpf  Nahe
 Joh. Bapt. Schäfer  Nahe
 Theo Minges  Palatinato
 Leiner  Palatinato
Müller-Catoir  Palatinato
 Horst Sauer  Franconia

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai all'inizio della pagina